Tag

, ,

Questa volta siamo partiti dall’orto che non c’è.

Questo è quello che avremmo trovato se il progetto proseguiva:

Questo è quello che abbiamo trovato:

Il giardino delle rose:

L’orto di villa Carinzia, come strumento di risocializzazione e coinvolgimento:

Tra un’orto e l’altro il territorio

L’orto di Borgo Meduna come spazio condiviso, da varia umanità:

Lacerti di storia:

La zona industriale di Valle Noncello:

L’orto come mezzo di accoglienza e strumento di comunità:

L’orto delle Coccinelle luogo di integrazione oltre che di alimentazione:

Una piccola esperienza dentro la città: